PhotoActivity Forum
PhotoActivity Forum
Home | Profilo | Registrati | Topics attivi | Membri | Ricerca | FAQ | Informativa sui Cookies
Username:
Password:
Salva la Password
Hai dimenticato la tua Password?

 Tutti i Forums
 PhotoActivity
 Forum di PhotoActivity Shop
 Felix Schoeller Matte Duo
 Nuovo Topic  Rispondi al Topic
 Visualizza per la stampa
Autore Topic Precedente Topic Prossimo Topic  

fabio maione
Advanced Member

Italy
982 Posts

Postato - 28/02/2010 :  11:41:27  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Mi lascia perplesso il dato del punto del bianco della carta in oggetto che è riportato nella scheda di presentazione dello Shop:

L = 96 a = 1,9 b =- 8,4

Io per "b" ho un valore molto più basso, che si aggira attorno a
-3,6.

Tutto il resto, compresi i dati del punto del nero, sono in linea con la scheda. Ho effettuato le misure sia con Datacolor che con ColorMunki e con diverse partite di carta.

Sono errate le mie misure?
Qualcuno ha esperienze in proposito?
Fabio

AlbertoM
Moderatore

Italy
4708 Posts

Postato -  28/02/2010 :  14:28:12  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di AlbertoM  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Mi sa che sia Datacolor che Colormunki taglino gli UV, per cui non viene considerata la parte relativa agli sbiancanti

Cosa analoga capita con la Glacier, che con il colormunki restituisce un valore di b=0 circa.....

AlbertoM
Go to Top of Page

fabio maione
Advanced Member

Italy
982 Posts

Postato -  28/02/2010 :  17:53:49  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Ho ripescato le più recenti misure con la Glacier e mi sono accorto solo ora (parlando sempre del punto di bianco)che Datacolor misura b = -5,64. Mentre il mio Colormunki mi dà: b = -2,1.
In effetti anche con la felix matte era datacolor a misurare b = -3,6, mentre Colomunki si attestava a b = - 2,8.

Se il problema è dato dal filtro UV che è inserito per tagliare le radiazioni ultraviolette allora il software dovrebbe essere tarato per questo (come avviene con Eye One, o anche col Barbieri, in versione UV Cut, che poi pare sia quella che va per la maggiore), anche se mi pare difficile che il software sappia in anticipo e con precisione in che misura intervenire. E difatti ci sono gli errori che ho rilevato e che sono percentualmente diversi a seconda delle carte.
Comunque i miei profili per le due carte citate funzionano bene ugualmente e non vedo dominanti gialline che potrebbero nascere dalla mancata od inesatta considerazione delle radiazioni UV.

Fabio
Go to Top of Page

fabio maione
Advanced Member

Italy
982 Posts

Postato -  28/02/2010 :  18:41:33  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Mi sono spiegato male: se nel colormunki è inserito il filtro UV è lui che arresta le radiazioni UV e quindi il software non c'entra niente.

Con Eye One "non Cut" invece per fare il profilo si devono compensare le radiazioni UV lette dallo strumento col software (spuntando l'apposita casella).

Se ne era già parlato e Alberto aveva detto che entrambi i metodi hanno i lori punti deboli e che per essere assolutamente precisi si dovrebbe fare due misure (una con e l'altra senza il fitro UV, coe consente lo Spectrolino).

Fabio
Go to Top of Page

fabio maione
Advanced Member

Italy
982 Posts

Postato -  28/02/2010 :  18:45:21  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
ma cos'è questo linguaggio strano? un virus?
Fabio
Go to Top of Page

fabio maione
Advanced Member

Italy
982 Posts

Postato -  28/02/2010 :  18:53:35  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Boh? Provo a ripetere:
Ho ripescato le più recenti Misure con la F.Sch: Glacier e mi sono accorto solo ora (sempre parlando del punto di bianco) che Datacolor misura per b = -5,64; mentre il mio ColorMunki misura: b = -2,1.
In effetti anche con la Felix Matte Datacolor dava b = -3,6, mentre Colomunki si attestava a b = -2,8.

Se il problema è dato dal filtro UV che sarebbe inserito nei suddetti strumenti per tagliare le radiazioni ultraviolette queste sono fermate prima di essere lette dal software.
Lo stesso aviene con Eye One Cut (che pare sia quello più venduto, ma meno apprezzato dai puristi).
Con Eye One "non Cut" invece, per fare il profilo, si devono compensare le radiazioni UV lette dallo strumento con il software (spuntando l'apposita casella, ad es. in Profile Maker).

Se ne era già parlato e Alberto aveva detto che entrambi i sistemi (con e senza filtro UV) hanno i lori punti deboli e che per essere assolutamente precisi si dovrebbero fare due misurazioni (una con l'altra senza il fitro UV, così come consente lo Spectrolino di X-Rite).

Fabio

Go to Top of Page

fabio maione
Advanced Member

Italy
982 Posts

Postato -  28/02/2010 :  18:56:01  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
C'è qualcosa che non funziona. Pazienza.
Fabio
Go to Top of Page

AlbertoM
Moderatore

Italy
4708 Posts

Postato -  01/03/2010 :  10:04:34  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di AlbertoM  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Ciao Fabio,
non vedo nulla di strano nel linguaggio

Sia il Datacolor che il Colormunki usano dei LED per le misure in riflessione, e i LED non emettono luce nella banda UV, per questo è come se fosse presente un filtro UV

Se fai una lettura senza raggi UV il valore di b sarà più basso rispetto ad una lettura in cui ci sia il contributo anche degli UV

Però, se attivi la compensazione sbiancanti ottici del software che crea il profilo, non viene usata la misura "con sbiancanti" (io nell'ultima misura col Barbieri della Felix Matte ho ottenuto b=-8.2), ma un valore inferiore, che però potrebbe non essere il valore che leggi tu senza UV

Ciao

AlbertoM
Go to Top of Page

fabio maione
Advanced Member

Italy
982 Posts

Postato -  01/03/2010 :  10:36:09  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Grazie della risposta.
Quanto ai problemi di lettura ora vedo tutto corretto.
Il problema era mio (credo che la pagina veniva tradotta dal traduttore automatico di google come se fosse stata originariamente in inglese sicché leggevo caratteri e frasi senza molto costrutto).
Ciao, Fabio

PS - Ha ragione Benedetto a volersi accattare il tuo barbieri, quando (prima o poi) lo venderai
Go to Top of Page

Michele Volpicella
Advanced Member

1448 Posts

Postato -  25/05/2010 :  13:21:33  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Michele Volpicella  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Avendo ricevuto un pacco della Felix Matte Duo come discusso nell'altro mio post, ne ho subito misurato il punto di bianco coll'Eye-One Pro (normale , non UV cut): i risultati sono praticamente identici a quelli ottenuti da Alberto:
96, 1.5, -8.4

La carta è in diretta concorrenza con la Epson Matte Archival, la quale però ha un bianco meno freddo (96.5,0.8, -3.3) che io preferisco e una superficie leggerissimamente ruvida, anche questo un vantaggio. Il peso però è inferiore, 192gsm contro i 230gsm della Felix. Inoltre non credo che la Epson sia disponibile in rotoli.
Adesso la profilo sul nuovo Canon IPF8300 e così uso anche il nuovo Media Configuration Tool e poi vi racconto.

Rio de Janeiro-Venezia
Go to Top of Page

AlbertoM
Moderatore

Italy
4708 Posts

Postato -  25/05/2010 :  14:00:45  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di AlbertoM  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Ciao

La Epson Archival matte ha anche un grande difetto, che nelle zone scure uniformi, si presentano come delle chiazze

Cosa che non succede con la Felix Matte, per via del coating migliore

Ciao

AlbertoM
Go to Top of Page

Michele Volpicella
Advanced Member

1448 Posts

Postato -  28/05/2010 :  10:19:35  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Michele Volpicella  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Ho profilato la carta (vedi anche topic sul media Configuration Tool sul Forum).
I risultati sono ottimi!
Per una carta relativamente leggera e così economica i risultati sono addirittura sorprendenti. Ha ragione Alberto quando dice che la qualità del coating è ottima...superba.
Non c'è confronto con la epson Archival Matte, che realmente lascia chiazze nelle zone scure. Qui le zone scure sono "morbide" e uniformi.
Il volume del gamut è buono e i neri sulla IPF8300 raggiungono L=16, quindi un ottimo valore che è uguale a quello indicato da Alberto coi Piezo (mi sembra).

Se solo fosse meno fredda e avesse un pochino di goffratura sarebbe La Carta matte da usare sempre o quasi.

Alberto, visto che sei in contatto con la Felix, perchè non gli suggerisci questi due cambiamenti come provenienti dalla loro "Customer Base", penso che ne venderebbero a palate.
A meno che non vogliano evitare la concorrenza coi Marchi che forniscono come outside suppliers.

Rio de Janeiro-Venezia
Go to Top of Page

Benedetto
Advanced Member

Italy
431 Posts

Postato -  28/05/2010 :  18:39:43  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Benedetto  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Citazione:
Postato da Michele Volpicella

Ho profilato la carta (vedi anche topic sul media Configuration Tool sul Forum).
........

Se solo fosse meno fredda e avesse un pochino di goffratura sarebbe La Carta matte da usare sempre o quasi.


Rio de Janeiro-Venezia



Puoi introdurre una punta di giallo con Photoshop (curve) o usando il plugin del Canon
Puoi anche, sempre usando il Plugin del Canon, scaldare un pò il tono
Un saluto a tutti
Benedetto
http://benedettomacca.zenfolio.com/


http://benedettomacca.zenfolio.com/f540325604
Go to Top of Page

Michele Volpicella
Advanced Member

1448 Posts

Postato -  06/06/2010 :  16:15:24  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Michele Volpicella  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Ho provato i metodi suggeriti con risultati variabili.
Alla fine il risultato migliore è venuto creando un profilo speciale con MonacoProfiler impostato su Neutralize Gray Axis (impostadolo su circa il 90%).
In questo modo ho ottenuto delle ottime foto anche a colori, soprattutto sugli incarnati, dove la dominante blu della carta li rendeva viola e l'occhio non riusciva a compensare il punto di bianco.

Rio de Janeiro-Venezia
Go to Top of Page

Benedetto
Advanced Member

Italy
431 Posts

Postato -  07/06/2010 :  13:14:54  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Benedetto  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Citazione:
Postato da Michele Volpicella

Ho provato i metodi suggeriti con risultati variabili.
Alla fine il risultato migliore è venuto creando un profilo speciale con MonacoProfiler impostato su Neutralize Gray Axis (impostadolo su circa il 90%).
In questo modo ho ottenuto delle ottime foto anche a colori, soprattutto sugli incarnati, dove la dominante blu della carta li rendeva viola e l'occhio non riusciva a compensare il punto di bianco.

Rio de Janeiro-Venezia


Le correzioni suggerite sono per il BW, per il colore (che io non faccio) è tutto un altro discorso.
Benedetto


http://benedettomacca.zenfolio.com/f540325604
Go to Top of Page

Michele Volpicella
Advanced Member

1448 Posts

Postato -  07/06/2010 :  22:33:01  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Michele Volpicella  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
La correzione ottenuta tramite l'impostazione del software di creazione del profilo consiste nel neutralizzare l'asse del grigio.
E' quindi valida tanto per il colore come per il BN.
Il limite sta nelle luminanze più alte dove l'ink non riesce a coprire la carta il cui colore diventa apparente.

Rio de Janeiro-Venezia
Go to Top of Page

Benedetto
Advanced Member

Italy
431 Posts

Postato -  08/06/2010 :  00:26:52  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Benedetto  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Citazione:
Postato da Michele Volpicella

La correzione ottenuta tramite l'impostazione del software di creazione del profilo consiste nel neutralizzare l'asse del grigio.
E' quindi valida tanto per il colore come per il BN.
Il limite sta nelle luminanze più alte dove l'ink non riesce a coprire la carta il cui colore diventa apparente.

Rio de Janeiro-Venezia



Lo so,lo so, infatti, io uso Argyll (che è gratis) per ottenere un profilo perfettamente neutralizzato sull'asse del grigio.
A volte, però, può essere utile fare qualche piccola correzione con le curve, ma piccola eh, molto piccola.
Bye
Benedetto

Ps
Puoi sempre provare a sporcare un pò i bianchi....con una curva di PS

http://benedettomacca.zenfolio.com/f540325604
Go to Top of Page

fabio maione
Advanced Member

Italy
982 Posts

Postato -  08/06/2010 :  09:46:34  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Se non si gradisce il punto del bianco di una carta (nel nostro caso la Felix Schoeller Dual Matte) mi sembra conveniente rivolgersi ad altri prodotti, piuttosto che sporcare il bianco con dosi, sia pure minime di inks. In quest'ultimo modo, infatti, si finisce per pregiudicare il contrasto (nel senso che si abbassa un fattore che di per sè già non è esaltante, trattandosi di una carta matte).

Per completare il discorso su questa carta, voglio aggiungere che come avviene di solito con le carte opache i coloranti ad acqua danno tinte più vivide e contrasti più elevati (il nero in particolare fornisce una Dmax ben maggiore del pur ottimo Black Ebony di Mis).
Proprio per questo nella stampa in BW (con R285) ho sostituito alla cartuccia del canale Y (glop col kit P.A.) un'altra col Black Dye (di Refill) mentre sugli altri 5 canali uso i 5 grigi del kit di P.A..
La tecnica che uso consiste nel mescolare in QTR la curva linearizzata per i 5 grigi e quella B.O. che ho linearizzato pel l'ink Black Dye. Nell'utilizzo del blend tra le due curve faccio intervenire la curva B.O. nella misura del 35% sulla sola zona delle ombre e del 9% nella zona dei grigi medi (questi dati li ho ricavati tramite diverse misure dei 21 steps). La Dmax è così salita a 1,96 e la stampa in BW è decisamente più "viva" e contrastata. Ovviamente resta la apparenza "fredda" dei toni chiari, che però è coerente con quelli dei toni scuri (il Black Dye introduce tonalità più fredde anche sulle ombre). Se avessi un settimo canale potrei tentare di scaldare il tono generale (bianchi esclusi) con un toner.
In pratica questa tecnica costituisce un'alternativa (nel campo della stampa in BW) rispetto a quella, già descritta in questo forum con riguardo alla stampa a colori, di aggiungere direttamente nella cartuccia una dose di ink dye a quello a pigmenti.
Ciao, Fabio
Go to Top of Page

Benedetto
Advanced Member

Italy
431 Posts

Postato -  08/06/2010 :  18:20:36  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Benedetto  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Citazione:
Postato da fabio maione

Se non si gradisce il punto del bianco di una carta (nel nostro caso la Felix Schoeller Dual Matte) mi sembra conveniente rivolgersi ad altri prodotti, piuttosto che sporcare il bianco con dosi, sia pure minime di inks. In quest'ultimo modo, infatti, si finisce per pregiudicare il contrasto (nel senso che si abbassa un fattore che di per sè già non è esaltante, trattandosi di una carta matte).



Ihhh.....Fabio, non uso mica il moccio del naso per sporcare i bianchi
E poi è un metodo che ho sempre usato solo sulle carte semilucide
Bye
B.

http://benedettomacca.zenfolio.com/f540325604
Go to Top of Page
  Topic Precedente Topic Prossimo Topic  
 Nuovo Topic  Rispondi al Topic
 Visualizza per la stampa
Vai a:
PhotoActivity Forum © 2005-2022 PhotoActivity Torna all'inizio della pagina