PhotoActivity Forum
PhotoActivity Forum
Home | Profilo | Registrati | Topics attivi | Membri | Ricerca | FAQ | Informativa sui Cookies
Username:
Password:
Salva la Password
Hai dimenticato la tua Password?

 Tutti i Forums
 PhotoActivity
 Forum di PhotoActivity
 QTR su Epson R285
 Nuovo Topic  Rispondi al Topic
 Visualizza per la stampa
Autore Topic Precedente Topic Prossimo Topic  

pegasus
New Member

Italy
10 Posts

Postato - 03/11/2009 :  17:43:49  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Buonasera a tutti, vi leggo da un pò di giorni ed ho cercato di 'reperire' le informazioni che mi necessitano, ma ho ancora qualche dubbio che ora elenco nella speranza di avere aiuto da voi.
Provengo dall'analogico nel quale ho maturato esperienza (per pura passione) anche di camera oscura (b/n) e da un pò di tempo ho affiancato anche il digitale nel quale mi diletto con i vari programmi (Photoshop, Lightroom, Capture NX), ma non ho mai approfondito l'aspetto finale della stampa (mi sono sempre limitato a stampe occasionali a colori senza particolari impostazioni).
Adesso però, vista l'impossibilità logistica di utilizzare una camera oscura in casa per il b/n, mi è tornata la voglia di questa 'antica' passione ed ho iniziato a sviluppare i raw con la finalità di produrre dei b/n accettabili, ma manca il più ovvero la stampa finale.
Ho letto della possibilità di utilizzare la stampante Epson R285 con risultati apprezzabili (in relazione al costo di acquisto della stessa) con il kit PA e il software di gestione QTR e così ho letto un pò sul sito di cosa si trattasse ed ho scaricato il programma, ma non ho trovato la mia stampante nell'elenco inserito nel menù a tendina del programma stesso e quindi mi chiedo se deve essere impostata la Epson R280 che se non erro è la versione americana della R285?...vi sono inoltre elencate due scelte (R280 e R280 MI, quale è da utilizzare?...nel primo caso vi sono solo due curve disponibili nell'altro molte di più).
Ho letto poi di b/n prodotti con la Epson R285 e metodo Black/Only...si tratta della stessa cosa del kit PA o sono due tecniche diverse?...se si, quale può dare risultati migliori?
Sono intenzionato all'acquisto del kit PA + reset per cartucce e carte per stampe (quali carte devo utilizzare per sfruttare i due profili presenti nel programma QTR?), ma vorrei la certezza della compatibilità di detta tecnica con la mia stampante e quale kit ordinare per evitare errori.
Infine considerando che vorrei continuare a stampare occasionalmente anche il colore, una volta utilizzata la stampante con il kit PA sarebbe problematico alternare stampe a colori con il b/n?
Premesso che per adesso non posso permettermi una stampante A3 o meglio A2, sarebbe sensato l'acquisto di una ulteriore Epson R285 da dedicare esclusivamente alla stampa a colori e una solo al b/n dotata di kit PA?? Altrimenti avrei una HP Deskjet 5550 che se pur accettabile non è il massimo per la stampa fotografica.
Chiedo scusa per la lunghezza del post e la mole di domande, ma conto di avere qualche risposta che mi sciolga i dubbi e mi 'instradi' correttamente per poter entrare attivamente in questo ottimo forum e magari ricambiare successivamente altre richieste che vengono formulate.
Un saluto a tutti

Fabio

pegasus
New Member

Italy
10 Posts

Postato -  03/11/2009 :  21:30:31  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Nessuno che mi da un aiuto?
Nel frattempo ho acquistato la seconda Epson R285....speriamo di non aver fatto una sciocchezza..

Fabio
Go to Top of Page

Benedetto
Advanced Member

Italy
431 Posts

Postato -  03/11/2009 :  23:19:28  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Benedetto  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
No, hai fatto benissimo, dopo avere installato il Kit PA è assai faticoso tornare al colore, per quello che costano....
Buone stampe
Benedetto

Go to Top of Page

fabio maione
Advanced Member

Italy
982 Posts

Postato -  04/11/2009 :  09:54:26  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Le risposte che cerchi le trovi tutte nelle discussioni precedenti fatte sulla R285.
Se tu avessi fatto una ricerca nel forum avresti ad es. appreso che da tempo uso 2 R285, dedicate rispettivamente al colore (ink refill) e al BW (qtr + ink P.A.).
Comunque, venendo alle tue domande e visto che hai già fatto la scelta giusta (di comprare 2 stampanti), al posto dei costosi Claria ti consiglio inks a colori alternativi, come i MIS o gli ottimi Refill.
La resa è ottima in entrambi i casi.
Puoi anche valutare l'opportunità di usare un sistema a flusso continuo al posto delle cartucce spongless.

Per le carte lucide e la stampa a colori ti consiglio, come miglior compromesso prezzo/qualità, la Felix Schoeller Ultra W. Glossy da 300 gr..
Gli inks dye danno il meglio di sè proprio con carte lucide.

Per le carte opache, consigliabili per il BW, ti suggerisco la Felix Schoeller Double Matt per uso quotidiano (ma comunque di buona qualità) e la HPR da 188 gr. per le stampe fine art, materiale che trovi nello shop di P.A..
Ti sconsiglio invece carte al cotone (RAG) molto pesanti perché mettono a dura prova i meccanismi di trascinamento della stampante R 285 (che non è certo di tipo professionale).

Se un domani vorrai passare al formato A3+ potrai utilizzare gli stessi inks con la Epson SP 1400 (che ora si trova su E-bay a poco più di euro 300).

Il metodo B.O. consiste nell'utilizzo del solo ink nero ed il profilo che hai trovato in QTR (in cui imposterai come stampante "Epson R280") funziona abbastanza bene; la resa dei mezzi toni e la finezza estrema del punto di stampa, tuttavia, sono assai superiori con il kit P.A. (con cui usi 4 o 5 sfumature di nero, a seconda del tipo di carta).

Ovviamente non troverai in QTR profili già pronti per gli inks P.A., ma Alberto li fornisce a richiesta a chi acquista inks e carte presso lo shop P.A. (la procedura da seguire è spiegata nell'help dello shop on-line); in alternativa, puoi crearti i profili da solo acquistando un profilatore compatibile con QTR (ad es. Datacolor Spyder Print o X-Rite EyeOne), seguendo le istruzioni del mitico articolo del Cinalli, disponibile nel sito.

Ciao

Fabio
Go to Top of Page

pegasus
New Member

Italy
10 Posts

Postato -  04/11/2009 :  10:56:17  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Grazie mille Fabio per la risposta dettagliata, io avevo letto tutte le discussioni su Epson R285 (e in effetti è stata proprio la constatazione che tu utilizzi 2 stampanti del tipo in oggetto a farmi decidere per l'acquisto dell'ultimo modello che avevo visto disponibile nel punto d'acquisto), ma sinceramente pur avendo capito della possibilità di utilizzo con QTR, da nessuna parte ho trovato la chiara indicazione sulla stampante da indicare in QTR (la R280 come adesso mi hai confermato tu).
Interessante anche il fatto di poter utilizzare gli stessi kit sulla Epson SP1400 (a tale proposito ne consiglieresti l'acquisto per quella cifra?).
Ti chiedo se cortesemente puoi chiarire gli ultimi (spero) dubbi rimasti: -sulla scelta dei profili su QTR trovo indicato "Claria 2880 HFBG-BO" che immagino stia per Black Only e "Claria 2880 EPGPP"...quest'ultimo a cosa si riferisce?..va bene utilizzarlo con il kit PA per iniziare?...in definitiva, a quali carte si possono "associare" questi profili?
Al momento dell'acquisto di tutto il necessario mi farò sicuramente creare un profilo ad hoc per la carta scelta dal Sig. Alberto, ma mi piacerebbe capire a cosa si riferiscono quei due profili già pronti.
Avevo anche preso in considerazione l'acquisto del profilatore "ColorMunki", ma anche qui non mi è chiaro se lo stesso sia compatibile o meno con QTR visto che ho letto versioni discordanti in un altro forum...mi sai dire con certezza tu?
Per concludere, in merito alla possibilità di utilizzare inks a colori "alternativi" agli originali (MIS, Refill), mi sai dire dove li acquisti o dove è consigliato online? (sullo shop online di PhotoActivity non mi sembra siano trattati).
Grazie ancora e spero di mettere in pratica queste nozioni appena chiariti questi ultimi dubbi.


Fabio
Go to Top of Page

Michele Volpicella
Advanced Member

1448 Posts

Postato -  04/11/2009 :  12:46:22  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Michele Volpicella  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
A proposito della R285 vorrei aggiungere che consente ottimi risultati anche con stampe a colori su carte Fine Art. Per esperienza e misurazioni personali posso dire che il gamut raggiungibile dalla R285 con gli inchiostri dyes su questo tipo di carta è nettamente superiore a quello delle stampanti a pigmenti Epson e HP (che pure posseggo).

Il problema relativo al trascinamento e allo sporcamento con carte pesanti si risolve andando sul Preferenze Stampa>Maintenance>Printer and Option Information>Thick Paper and Envelopes.
Così io stampo carte al cotone da 315g senza problemi.

I colori dyes sono meno longevi dei pigmenti. Il metamerismo è presente ma molto meno di quanto si dica in giro. Ho creato lo spettro di vari titpi di luci in casa e poi li ho usati per verificare le letture spettrali dei patches: ottimo risultato anche con luci fluorescenti (erroneamente chiamate "neon" in Italia), quelle del mio garage per esempio hanno un CRI di 81 e danno un'ottima risposta. Certo se prendiamo quelle di una volta, dei bar di periferia con CRI di 45, il risultato è pessimo. Sempre tra le fluorescenti, nel mio studio ho le Philips Graphica 950 che mi danno un CRI di 98 e una T di 5050K (misurati) e qui il risultato è naturalmente splendido.
Conclusione: la R285 è sorprendentemente flessibile e può fare di tutto. Consiglio un buon CIS e il sistema di spurgo separato per l'inchiostro usato per la pulizia, naturalmente col software proprietario di reset. Eviterai che, con un uso intenso, presto ti dia il messaggio "fine vita utile".
Tallone di Achille coi sistemi CIS è il facile bloccaggio di uno dei tanti ugelli che crea strisce e richiede pulizie delle testine frequenti. E' importante usare un CIS di qualità ed evitare che si danneggino i raccordi a gomito coi tubi da cui entrino bollicine microscopiche e invisibili di aria che portano al bloccaggio.
Purtroppo non la fanno più. Oggi si trova ancora a €59 (col set di cartucce naturalmente) ma sono le ultime.

Riode Janeiro-Venezia
Go to Top of Page

vtube
Average Member

Italy
146 Posts

Postato -  10/11/2009 :  13:13:51  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di vtube  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Citazione:
Postato da Michele Volpicella

A proposito della R285 vorrei aggiungere che consente ottimi risultati anche con stampe a colori su carte Fine Art. Per esperienza e misurazioni personali posso dire che il gamut raggiungibile dalla R285 con gli inchiostri dyes su questo tipo di carta è nettamente superiore a quello delle stampanti a pigmenti Epson e HP (che pure posseggo.


Interessante... che carte hai utilizzato? Solo matte o anche glossy e semiglossy?

Ciao!

--
Andrea Olivotto
http:///www.andreaolivotto.com
Go to Top of Page

Michele Volpicella
Advanced Member

1448 Posts

Postato -  10/11/2009 :  16:14:23  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Michele Volpicella  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Utilizzo un po' tutte le carte. Per riassumere i risultati sono questi:
1. Glossy, semiglossy e baritate (ilford baryta). I pigmenti moderni forniscono un gamut che è uguale a superiore ai dyes. Però la brillantezza inferiore riduce la "sensazione" di qualità un pochino, per cui direi pareggio

2. Carte matt Fine Art, a base di cellulosa di cotone, sia smooth sia etched sia parchment (martellato): il gamut dei dyes è NETTAMENTE superiore. Ho anche scaricato i profili delle stampanti che non ho tipo R3880 e ho confermato che il loro gamut è davvero piccolino piccolino soprattutto per L<50. Il punto di nero con inchiostri a pigmenti per il COLORE su queste carte varia tra i 17 e i 25. Il miglior valore che è ho trovato è un 15.
Se non mi sbaglio il kit per il BN di PA fornisce un nero con L=14.
Sulla R285 con un CIS a COLORI (quindi neanche dyes originali) il nero che si raggiunge è L=9 sempre su queste carte matt Fine Art.

Il contrasto tra la splendida carta matt e il nero profondo e i colori brillanti, inaspettati perchè ci si aspetta colori spenti, crea un veri effetto "Wow!" che raramente lascia chi osserva indifferente.
Per il problema del metamerismo leggere quanto ho scritto sopra: è molto limitato, dipende dagli inchiostri e comunque non è peggiore dei pigmenti (misurato con letture spettrali e a vista).
Questa tecnica è un po' la mia specialità...non toglietemi la mia nicchia mi raccomando!

Riode Janeiro-Venezia
Go to Top of Page

denisdox
Starting Member

Italy
1 Posts

Postato -  10/11/2009 :  21:49:42  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Buonasera a tutti, sono un nuovo iscritto,
ho acquistato da pochi giorni una Epson R285 e seguendo questo topic ho visto che esiste la possibilità di stampare anche su carte fine-art.
Volevo chiedere a Michele Valpolicella se mi poteva spiegare gentilmente come effettuare le impostazioni relative.
Grazie mille per la disponibilità e a presto.
Go to Top of Page

Michele Volpicella
Advanced Member

1448 Posts

Postato -  11/11/2009 :  12:27:02  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Michele Volpicella  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
E' piuttosto semplice. Per le carte matte, scelgo il driver Epson Matte, qualità RPM, borders, più sotto nessuna opzione selezionata.
A destra ICM selezionato e sotto Off selezionato (No Color Adjustment).
Poi su Photoshop imposti il profilo che hai (se possibile fatto ad hoc con uno spettrofotometro).
Per le qualità Gloss, scelgo la qualità Photo perchè allaga un po' meno e asciuga molto prima. Anche il gamut, stranamente (o forse no), è più grande. Basta non usare la lente di ingradimento dopo, perchè con le lente si vedono le righe di stampa su Photo e non si vedono o quasi con RPM.
Se usi carte grosse va su Maintenance>Thick paper and Envelopes>OK.
Davvero non c'è molto da dire.

Per chi sua molto la R285 consiglio caldissimo: usate la vaschetta esterna di spurgo (fatta in casa o meglio presa su ebay a 10 Euro molto ben fatta con tubetti e valvoline di non ritorno) e il software di resettaggio del conteggio pulizia e startup per evitare il messaggio "fine vita utile"...che di solito non lascia il proprietario molto felice...
Ciao


Rio de Janeiro-Venezia
Go to Top of Page

benessum
Starting Member

4 Posts

Postato -  11/11/2009 :  17:56:47  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Ho stampato un paio di foto a colori con R285 ed i Claria su Hahnemuhle Photo Rag 188 con risultati al di sopra delle mie aspettative. In photoshop ho selezionato il profilo della carta matte epson. Dal driver impostata carta epson matte e icm off. In questo modo (da non credere!) la corrispondenza monitor-stampa è molto buona. L'unico problema è un leggero sporcamento all'inizio e alla fine del foglio, a circa 1/2 cm dal lato destro. Questo non sarebbe un gran male (il bordo si taglia) se non nell'intenzione che avrei di stampare gli Hahnemuhle Photo Album, dove si stampa direttamente sul foglio dell'album. Ho provato anche a selezionare dal driver epson, così come consigliato, l'alto spessore per cercare di non avere quel residuo d'inchiostro sui bordi. C'è stato un miglioramento, ma non la risoluzione.
Comprai la R285 perché m'imbattei nel sito di Andrea Olivotto, dove parlava della stampa Black Only con QTR. Risultati buoni con carta glossy e ultra glossy della epson a meno che non siano presenti nella foto ampie zone scure uniformi, dove si vede la "rigatura" delle testine. Ho provato quindi a stampare su HPR 188 con risultati a mio parere superiori alle carte glossy con neri più profondi e banding non presente (confrontata la medesima foto stampata su glossy e HPR). Ho ottenuto questi discreti risultati dopo avere creato e provato cinque o sei curve diverse con QTR. Anche qui però quel leggero sporcamento alle estremità del foglio.

Ciao
Matteo
Go to Top of Page

Michele Volpicella
Advanced Member

1448 Posts

Postato -  11/11/2009 :  21:35:22  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Michele Volpicella  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Vi rivelerò in gran segreto il trucco per eliminare quello sporcamento che si presenta con la R285 su carte con grammatura superiore a circa 300 gsm.
Il segreto consiste nel mascherare circa 1 cm di carta per ognuno dei due lati corti.
All'inizio ho provato con il nastro adesivo trasparente da grafico...niente da fare, veniva poi via anche lo strato di patinatura.
Allora ho provato col nastro adesivo bianco Post-it: con questo effettivamente non si rovina la patinatura, ma resta una gommosità appicicaticcia che dopo un po' raccoglie polvere e sporco vario. Facendo alcune applicazioni preventive cola e scolla su una carta diversa, si riduce il problema ma non lo si risolve.

La soluzione è questa: la mascheratura va fatta con striscioline di carta normale di circa 1 cm o meno, tagliate da un foglio A4 con la taglierina o il cutter, così tra l'altro hanno già la lunghezza giusta.
Poi si applica su un lato della strisciolina la colla in stick "UHU stic" gialla, dev'essere debole, la Pritt credo s'attacchi troppo ma l'ho provata.
Quindi si incolla la strisciolina lasciandola sporgere circa 1mm, si stampa rapidamente (deve essere già tutto pronto) e dopo la stampa si tira delicatamente via la strisciolina che viene via "croccante" e senza lasciare nessunissima traccia di colla nè aver asportato lo strato di patina. Ci vuole un poco, ma davvero poco, di pratica per spalmare la quantità giusta di colla. Se si mette poca colla la strisciolina si solleva e la stampa è rovinata e perduta. Troppa colla e si rischia di sollevare lo strato di patinatura (ma è difficile).
Lo so, è un po' laborioso, ma rende il nostro lavoro ancora manuale e a me non dispiace.
Spero vi sia utile.

Rio de Janeiro-Venezia
Go to Top of Page

benessum
Starting Member

4 Posts

Postato -  12/11/2009 :  11:11:04  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Grazie per la dritta! Proverò sicuramente e farò sapere

Ciao
Matteo
Go to Top of Page

pegasus
New Member

Italy
10 Posts

Postato -  12/11/2009 :  15:41:16  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Ciao Michele, ti chiedo una cortesia: potresti indicarmi con precisione dove acquistare (o cosa scrivere nella ricerca su ebay)la vaschetta di spurgo esterna e il software di resettaggio che già un paio di volte hai consigliato?
Ho provato a cercare ma non ho trovato niente.
In merito al software di resettaggio, ho provato SSc service utility, ma non mi risulta sia supportata la R285, neppure selezionando la R340 come qualcuno aveva indicato in altri forum.

Grazie per l'aiuto

Fabio
Go to Top of Page

Michele Volpicella
Advanced Member

1448 Posts

Postato -  12/11/2009 :  21:19:12  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Michele Volpicella  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Il software SSC NON funziona con la R285.
Il software che dico io è quello ufficiale di manutenzione usato dai tecnici Epson. Sia chiaro che risetta il contatore degli spurghi, NON il livello delle cartucce.
Lo stesso negozio ebay che ti vende la vaschetta coi cavetti ti manda anche (gratis) il suddetto software. E' molto potente, io per sbaglio ho riscritto sulla EEPROM...adesso è diventata una R290...va usato con attenzione. Eventualmente se hai problemi a farlo partire mandami mp
Il venditore su ebay si trova qui.
http://stores.shop.ebay.it/OctoInkjet__W0QQ_armrsZ1
prendete il box non il bag.

IL venditore è molto cordiale e veloce. Costa, il tutto, circa 10 Euro.


Rio de Janeiro-Venezia
Go to Top of Page

pegasus
New Member

Italy
10 Posts

Postato -  13/11/2009 :  10:10:42  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Grazie per le preziose info e per la disponibilità, procedo all'acquisto dei box per le stampanti (R285 e 1400) e poi in caso di difficoltà sull'utilizzo del software tornerò a disturbarti.
Intanto ti chiedo però se l'installazione dello stesso box è una procedura semplice oppure no...in definitiva si tratta di collegare il/i tubicini, ma dove?? Esistono delle spiegazioni allegate all'oggetto?
Grazie ancora e ciao.

Fabio
Go to Top of Page

Michele Volpicella
Advanced Member

1448 Posts

Postato -  13/11/2009 :  11:34:58  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Michele Volpicella  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
E' "iper-semplice". Tutto spiegato nei dettagli sul sito e/o links appositi.
Adesso ti sfrutto io però:
avrei bisogno di stampare su carta Matte in formato A3+ con dyes, non pigmenti per i motivi di gamut già scritti sopra.
Ho la HP Pro B9180 che è splendida ma usa pigmenti.
L'unica alternativa viabile è la R1400. Mi diresti gentilmente:
1. se ha una resa simile/superiore alla R285 in termini di qualità di stampa e colore. Gli inchiostri mi sembrano siano esattamente gli stessi.
2. se è meno propensa allo sporcamento delle testine sempre rispetto alla R285
3. se stampa su supporti pesanti senza bisogno di fare i salti mortali.
Ti ringrazio in anticipo.

Rio de Janeiro-Venezia
Go to Top of Page

pegasus
New Member

Italy
10 Posts

Postato -  13/11/2009 :  12:00:01  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Ciao Michele, ho citato la S1400 perchè sono in attesa di riceverla, ma a tutt'oggi non ho ancora avuto modo di provarla direttamente.
Posso però dirti che più o meno gli stessi quesiti me li sono posti pure io e dalle informazioni che ho ricevuto o per via indiretta tramite forum o per ultimo, direttamente da una persona che la possiede e mi ha fatto vedere le stampe prodotte, posso dirti che utilizza la stessa meccanica della R285 e pertanto stessa qualità di stampa (che io trovo ottima)visto che utilizza gli stessi inchiostri.
Relativamente invece ai supporti pesanti e allo sporcamento delle testine so esserti meno di aiuto, anche se le stampe che ho avuto occasione di vedere erano su carta Hahnemuhle Fine Art Baryta 325 gr/mq.
Ciao


Fabio
Go to Top of Page

fabio maione
Advanced Member

Italy
982 Posts

Postato -  13/11/2009 :  20:06:28  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Posso risponderti io visto che ho tra le mie stampanti sia la R285 che la SP 1400. Per la verità quest'ultima l'ho convertita al B&W con il kit di Alberto (con grandissime soddisfazioni), ma per un sia pur breve periodo l'ho usata anche con i Claria originali e carte di tipo glossy.
Non ricordo di aver riscontrato diversità rispetto a quanto può fare sul formato A4 la R285.
Quanto al caricamento della carta pesante matte di tipo Rag purtroppo anche la SP1400 è un po' lunatica: a volte la carica senza problemi, a volte è riottosa e bisogna insistere molto.
Il problema, però, ma non chiedermi perché, si pone, almeno nel mio caso, solo nel formato A3 (già con i fogli 30x30 degli album HPR 276 gr. non ci sono problemi di caricamento).
Infine, con carta fine art alla cellulosa (Tipo la HPR Natural Art Duo da 256 gr.) o semiglossy il problema non si pone neppure.
A mio avviso si tratta di un ottimo acquisto se si punta alla conversione al B&W con inks ai pigmenti di carbone, mentre con il colore, accanto ad indubbi vantaggi sotto il profilo della vividezza delle tinte e della notevole Dmax su carte matte, valgono gli stessi limiti della R285 che, in verità, sono i limiti degli inks dye: maggior metamerismo rispetto ai pigmaneti, minore resistenza all'umidità ed una notevole minor durata nel tempo delle foto (sbiadiscono velocemente, soprattutto se esposte al vivo). Quest'ultimo difetto non a caso ha indotto tutti i costruttori di stampanti professionali (da A2 in su) a scegliere inks ai pigmenti, presumendosi che un professionista deve consegnare al cliente un prodotto sicuro e durevole nel tempo.
Solo HP tiene ancora in catalogo, accanto alle professionali della serie Z, le designjet 90 e 130 che utilizzano 6 inks ad acqua: si tratta dei famosi Vivera, garantiti per 70 anni. Del notevole metamerismo di tali inks, Alberto diede diversi anni fa, in uno dei suoi primi articoli (tuttora disponibili), un eloquente saggio. Avendoli a suo tempo usati anche io, posso dire che risptto ad essi i Claria sono notevolmente più lucidi su carta glossy (tipo la Felix Schoeller da 300 gr.), asciugano in un tempo notevolmente minore, sono più versatili (questo perché i Vivera richiedono carte appositamente concepite).
Ciao, Fabio
Go to Top of Page

Michele Volpicella
Advanced Member

1448 Posts

Postato -  13/11/2009 :  22:06:26  Mostra il Profilo  Visita l'Homepage di Michele Volpicella  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Fabio,
Grazie per le informazioni, molto interessanti.

Ma alla fine, sono solo io che stampa a colori su carta Matte Fine-Art?
e sono solo io a ritenere le stampe a colori fatte con pigmenti su carta Matte esangui, e quasi "inguardabili" (in confronto con le quelle fatte con dyes)?
Avevo pensato a una Epson 3880 per arrivare all'A2, ma le foto che ho visto (parlo sempre di Colore su Matte) non danno nulla in più della Hp pro B9180 (che ho già) in termini di Dmax, perlomeno a occhio nudo...smorte le une, smorte le altre...o mi sbaglio?


Rio de Janeiro-Venezia
Go to Top of Page

fabio maione
Advanced Member

Italy
982 Posts

Postato -  13/11/2009 :  22:14:12  Mostra il Profilo  Rispondi comprendendo il testo originale fra righe
Non ti sbagli affatto.
Non a caso Alberto mi ha confidato un giorno di rimpiangere il colore che su carta matte davano i vecchi inks UC, in questo campo migliori dei sopravvenuti K3.
Comunque non sei affatto l'unico a stampare su carta matte fine art con i dye; qualcuno, molto esperto nel realizzare profili colore (indovina chi), ha pure convertito ai dye un plotter Epson 7600.
Ciao, Fabio
Go to Top of Page
  Topic Precedente Topic Prossimo Topic  
 Nuovo Topic  Rispondi al Topic
 Visualizza per la stampa
Vai a:
PhotoActivity Forum © 2005-2020 PhotoActivity Torna all'inizio della pagina